Progetto Iron man

FASE DEL PROGETTO: IDEA

Questo è uno dei progetti più ambiziosi che mi sono proposto di sviluppare, ma chiariamo subito la questione:

  1. Il mio progetto ironman innanzitutto non è un cosplay ma è un vero ironman, un’ armatura che espande le capacità di un singolo uomo in diverse maniere.
  2. L’ armatura che intendo realizzare non è esattamente come quella del film o del fumetto. Ci sono tante cose che attualmente sono impossibili da realizzare o almeno da realizzare in un’armatura grande quanto un uomo o poco più. Quello che conterrà, e quindi quello che potrà fare, è solo una parte delle funzioni dell’ironman cinematografico.
  3. Questo è un classico progetto in cui ogni passo è importante. Non so se mai riusciremo a costruire un’armatura completa, ma il nostro vero obbiettivo è quello di creare tutti i singoli sottosistemi e farli funzionare. Ogni “pezzettino” che costruiremo sarà una conquista e potrà tornare utile in molti altri ambiti. In fondo quello di ironman è un pretesto per aprirci un mondo di possibili progetti.

Detto ciò, possiamo cominciare a ragionare sulla questione.
Cosa dovrà fare:
Prendendo spunto dal web ho raccolto una lista delle capacità e dei sistemi in dotazione alla tuta di Tony Stark, le cose su cui intendo lavorare sono:

  • STRUTTURA:

Sistema di volo (hardware di volo)
Protezione: resistenza agli impatti e a forti accelerazioni mantenendo leggerezza e comodità.
Aumento della potenza fisica, velocità e resistenza.
Tipo di alimentazione

  • SISTEMI:

PILOT INTERFACE:
JARVIS, computer di bordo intelligente (ovviamente non sarà IA)
Display olografico
Impianti di comunicazione
Data entry & hardware control systems: il sistema di input e di controllo dell’hardware
HARDWARE STATE SENSORS:
Sensori di stato interni: controllo delle funzioni vitali, check-up dei sottosistemi, output in tempo reale dei regimi a cui lavorano i vari componenti, etc
Sensori di stato esterni: Temperatura esterna, velocità di volo
NAVIGATION SENSORS:
Sistema di navigazione satellitare
EXTERNAL WORLD SENSORS:
Sistema di visori Notturno-infrarosso
Radar
Sistema di calcolo delle traiettorie, analisi strutturale, analisi degli equilibri e, in generale, di supporto alle scelte che coinvolgono il mondo fisico circostante (integrato con JARVIS)
TASK AUTOMATION:
sistema di controllo ambientale intelligente, sistema di controllo e ottimizzazione dei parametri di lavoro di tutti i sottosistemi.

Come avrete notato manca qualcosa come gli scudi “attivi” e le armi in generale. Ritengo che inserirle in un prototipo sia difficile, dispendioso e anche inutile se la macchina viene costruita per scopi non militari.

Il progetto rimarrà nella fase di Idea per qualche settimana, nell’attesa che possano venire in mente a me o a qualche follower dei punti da aggiungere a questa lista. Successivamente passeremo alla fase “studio di fattibilità”. I dettagli delle fasi li spiegherò in un post apposito.

Annunci

75 risposte a “Progetto Iron man

    • Non è follia. Con un mix di dedizione, creatività e voglia di superare i limiti si può fare tutto :)
      Forse l’ostacolo più grande è quello finanziario, ma al mondo ci sono innumerevoli esempi di tecnologie uguali (o quasi) ma con costi sensibilmente diversi. Noi cercheremo di ottenere il massimo con il minimo, e vedremo dove ci porta la nostra creatività…

  1. ciao il tuo lavoro mi sta affascinando un sacco complimenti! cortesemente potresti togliermi alcune curiosità? in che modo vorresti alimentare il tuo “iron man”? e su quale tecnologia si dovrebbe basare il sistema di volo? ancora complimenti e buon lavoro!!! :)

    • Ciao Egidio,
      Purtroppo non posso anticiparti niente e ti spiego il perchè:
      Ogni punto che vedi in quella lista viene esaminato nel dettaglio passando per tutte le fasi, da idea a prodotto finito. Il motivo è semplice: per elaborare qualcosa di concreto e realizzabile c’è bisogno di tempo, studi e ricerche.
      Ora come ora ricerche sull’alimentazione ne ho fatte poche (calcoli ancora meno) e quello che ho sono solo ipotesi (per esempio vorrei approfondire il discorso “pile a combustibile”). Appena avrò qualcosa tra le mani scriverò un post “Iron Man sistema di alimentazione -idea-”, sicuramente :)
      Discorso simile per il sistema propulsivo (immagino ti riferissi a questo con “sistema di volo”), anche se qualche idea in più a riguardo ce l’ho :D
      Appena avrò raccolto un po’ di documentazione e fatto dei calcoletti preliminari ne riparleremo all’ombra di un bel post a riguardo.

      Ti ringrazio di essere passato.

  2. grazie dei chiarimenti… non conoscevo proprio l’esistenza della pila a combustibile… ti auguro un buon lavoro :) continua ad aggiornarci ;)

  3. ciaoo complimenti ;) anche io avevo in mente di fare un’armatura, quella di masterchief però (halo) solo che non ho potuto costruirla perchè mancavano i fondi. Io vorrei aiutarvi in qualche modo perchè sono interessato alle armature e alle nuove tecnologie. Fatemi sapere se posso aiutarvi e partecipare al vostro progetto :)

    • Se hai conoscenze adeguate in merito, puoi dare il tuo contributo nella realizzazione dell’armatura suggerendo di volta in volta delle soluzioni, o esprimendo i tuoi dubbi. Il tutto possibilmente avvalorato da qualche dato, così da evitare “chiacchiere inutili” ;)

      Inoltre come avrai letto sono un ingegnere aerospaziale, e non ho grosse conoscenze per esempio nel campo dell’informatica avanzata o chessò bioingegneria. Se credi di avere delle competenze che potrebbero aiutare mettiti in gioco! altrimenti continua pure a seguire semplicemente il blog :)

      • Aaa ok va bene :). Per adesso non ho tanta esperienza ma ho grosse idee molto tecnologiche ma l’unico problema è che non ho esperienza e fondi per metterli in atto, e poi io sono del 97. Meglio se per adesso continuo a studiare e poi comincio a progettare qualcosa dopo aver accumulato esperienza ;)

  4. su un forum alcuni giorni fa ho letto il commento di un tale che ha speso gia 2 milioni di euro per costruirsi l’armatura. e lui diceva di aver l’armatura quasi completa al 100% . gli unici 2 problemi erano….. l’alimentazione, e il volo. e cercava consigli pagati bene. ora dico, a parte che io sono un fan di iron man, ma c’è un altro grossisimo problema, oltre a quelli quasi impossibili di alimentazione e volo… avete mai pensato che anche se volasse, anche se avesse le armi, non potrebbe uscire di casa senza permessi ? in quanto sarebbe una minaccia .

    • La questione dei permessi:
      Tutta la tuta senza armi non credo sia un problema, non è un giubbotto antiproiettile omologato. Dall’esterno è una specie di “armatura medievale” e non mi pare che per indossare armature del genere ci siano regolamentazioni (poi per vedere quello che c’è dentro bisogna aprirla, e in fase di prototipo puoi appellarti al “segreto industriale” per indossarla finché non la brevetti).
      Armi: Se tu hai il porto d’armi per portare quelle determinate armi, allora anche se hai un armatura addosso le armi restano le stesse e il porto d’armi è sempre quello. Poi per ora noi non prevediamo armi quindi un problema in meno.
      Volo: Bisogna brevettarla, certo, ma nel frattempo puoi provare in parco chiuso o comunque lontano da occhi indiscreti. Un prototipo si prova fuori casa, non sopra l’aeroporto. Se poi si riesce ad arrivare ad un livello tale da richiedere permessi, allora si provvederà a fare i permessi ;)

  5. Ciao, complimenti per il tuo lavoro, è davvero una fantastica idea :) io sono un ragazzo del 97 e questo articolo mi ha veramente colpito in quanto serietà e progetti.. vorrei chiederti se pensi che costruire l’armatura sia una cosa fattibile per un gruppo di ragazzi molto volenterosi, ovviamente non considerando k’aspetto economico che sappiamo gia sarà un ostacolo, ma solo tenendo conto della difficoltà del lavoro.
    Grazie :)

  6. io credo che il modello più realizzabile sia la prima armatura del film(mark 1) oppure “iron monger” ovvero quella del cattivo del primo film perchè effettivamente nonostante sia molto più grossa e goffa è proprio più realistica per la tecnologia attuale

  7. sarebbe interessante aggiungere dei campi di forza

  8. Bravissimo, sono queste le persone ke mi piacciono! Anke secondo me un’armatura del genere. Però come hai detto non potrà essere come nel film. Però negli anni la tecnologia evolvendosi potrà permetterci di costruirla. Un in bocca al lupo. Auguri

  9. secondo me dovrebbero internarvi tutti quanti

  10. dottore il suo progetto mi affascina molto sarebbe bello se in un prossimo futuro si potesse avere una tuta in garage insomma si potrebbe (essere iron man) quando si vuole sempre se la tuta si potesse avere, che ne dice di darla a non tutti ma ad una gran parte del mondo, ovviamente quando il progetto sarà finito?

    • Il progetto è inteso come open source, o qualcosa del genere. Ciò vuol dire che tutte le tavole dei componenti o le linee di codice che scriverò saranno liberamente disponibili al pubblico e potranno essere riprodotte senza limitazione, almeno questa è l’idea.
      Per il resto parlarne ora è un po’ prematuro.

  11. Aggiungi i raggi repulsivi o qualcosa del genere

  12. Siete dei pazzi… Secondo voi tutti i geni che ci sono al mondo non hanno ancora ideato un’armatura del genere e voi altri ce la potreste fare..?
    Non hai idee chiare e per un progetto del genere ci vogliono.

  13. l’armatura se mai sarà finita sarà usata per scopi militari

  14. Non ne saprò molto ho solo 14 anni ma l’esoscheletro che verrà usato se mai sarà completata l’armatura sarà di tipo XOS 2

  15. Salve io vi ammiro per questo progetto pero che lavoro bisogna fare per costruirla ??

  16. proverò di tutto per aiutarvi ma il problema è il sistema di volo che se fosse a reazione potresti volare 30sec ma non di più.il mio consiglio sono gli ultra suoni che possono fornire spinta verso l’alto senza dare molto peso.io non me ne intendo tanto ma vi aiuterò con le ricerche.buon lavoro e a presto

  17. Salve,ho 17 anni e il tuo progetto mi interessa, e se potrebbe invece interessare a te, io potrei aiutare nel campo dell’informatica. L’esoscheletro sarebbe fattibile, se predisposto in maniera bi-parte, per quanto riguarda i sistemi di volo, perché non provare il motore miniaturizzato di un aereo ? Predisponendo gli scarichi sotto la pianta del piede. In alternativa un vero e proprio reattore miniaturizzato, con microvalvole e micro propulsori sarebbe una valida alternativa se non per il consumo e il costo del materiale combustibile. Comunque se potessi essere utile in qualcosa, mi piacerebbe dare una mano. Apparte la mancata disponibilità di fondi, ho parecchie idee che potrebbero valere qualcosa. Inoltre vorrei sottolineare la sottile ma drastica differenza che molto spesso siamo soliti a ignorare. La pazzia è un concetto astratto, e relativo, poiché descrive il comportamento (anormale) di un individuo quando vuole raggiungere un obbiettivo a detta dagli altri impossibile, ma poi riesce a dimostrare il contrario attraverso tecnologia e metodica apposita apportata ad un progetto. La follia, invece, è la pretesa che il corpo umano possa volare con un semplice schiocco di dita. Questi esempi perche si parla di armature e tecnologie che possano un giorno permetterci di volare. Ti auguro di riuscire nel tuo intento!

  18. Salve,da poco ho iniziato a seguire questo progetto,ma per la fonte energetica vorrei suggerire il reattore E-CAT.Ne ho sentito parlare e sembra compatto e molto produttivo.Spero di essere stato di aiuto.

  19. Se volete posso aiutarvi io, ho moltissima plastilina (tipo doh-doh) avanzata dall’infanzia. E potremmo costruire un reattore plastico, di tipo A1 per poter produrre circa 1MW di potenza sufficiente ad alimentare non una, bensì due armature, che potremmo collegare tra di loro con una prolunga (circa 1km di cavo dovrebbe bastare) poi al limite mettiamo una serie di prese sulla schiena per poter caricare il telefonino o alimentare una lavatrice nel caso l’armatura non venga indossata completamente nudi… Poi proporrei un rivestimento tipo titanio-tungsteno sulle parti intime, allo scopo di preservare la possibilità di fare altri mini-iron man in futuro.

    • La parte più importante x me e la protezione soprattutto non solo su busto schiena e spalle pure su mani e gomiti nn come altre corazze militari che sono solo protette da una sorta di clazamaglia nera inutile. Poi potremmo collegare l’armatura alla potenza idraulica x aumentare notevolmente la forza con monitor per tenere essa sotto controllo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...